Cerca
  • spodesva

Come scegliere la scuola di danza

Aggiornamento: 29 ago

In primo luogo occorre informarsi sulla credibilità e la qualità degli insegnanti che lavorano all'interno di una scuola: dove e con chi hanno studiato, se hanno conseguito un titolo per l’insegnamento, se sono affiliati ad organizzazioni serie che hanno uno specifico programma didattico, se seguono corsi di aggiornamento regolarmente.

Di solito la scuola pubblica tutte le attività degli insegnanti e le trovate sul sito, sui social…

Il problema si pone quando non si trovano tutta una serie di attività che è, invece, corretto comunicare.

Verificate le attività degli allievi: foto, video, stage, incontri di studio. È importante che vengano pubblicate foto degli allievi e non foto di professionisti prese da internet. Il lavoro della scuola si vede proprio dalla qualità di ciò che imparano gli allievi.

È fondamentale, inoltre, scegliere bene la struttura all'interno della quale gli allievi trascorreranno molto tempo della loro vita e verificare:

  1. se gli spazi sono adeguati: il repertorio necessita di un’ampia sala per essere studiato correttala (rapporto movimento/spazio);

  2. se il pavimento è idoneo alla pratica della disciplina: il pavimento non deve essere duro ma ammortizzante e deve avere un tappeto danza di alta qualità per prevenire infortuni nell’atterraggio dai salti e nell’uso delle punte. Il semplice parquet non è un pavimento idoneo alla pratica della danza perché non è in grado di assorbire gli urti e ciò può danneggiare articolazioni, tendini e schiena;

  3. se la pulizia è costante;

  4. se vi sono uscite di sicurezza e la struttura è dotata di defibrillatore (obbligatorio) e di personale che abbia fatto i corsi Blsd;

  5. se gli impianti d'aerazione sono moderni e a norma o se si utilizzano sistemi rudimentali che danneggiano la salute degli allievi durante le lezioni (sudorazione anomala per la temperatura troppo alta);

Inoltre è importante capire se una scuola offre piani di studio che permettono di seguire una formazione completa e corretta, attraverso stage, workshop e tutto ciò che arricchisce il bagaglio di un giovane studente.

È sbagliato scegliere una scuola di danza solo per la comodità di averla vicino alla vostra casa o al vostro ufficio.

O in base al costo del mensile.

Di solito quando si spende poco in cambio si riceve poco, ma qui parliamo dei vostri ragazzi.

Ricordate, prima di lamentarvi del costo della retta, che tutti i genitori e gli adolescenti di oggi hanno in mano uno smartphone dal valore di centinaia di euro, per non parlare del vestiario (jeans, scarpe ecc..)

La salute è molto più importante del denaro: la danza fatta male potrebbe essere seriamente pericolosa per la salute del corpo del ragazzo.

Di solito gli effetti negativi della danza fatta male non si notano: l’allievo è sempre uguale.

Ma la danza classica fatta bene è basata sulla corretta impostazione posturale, scheletrica e muscolare e su una specifica impostazione che permette di lavorare en dehors.

Una delle cose che ritengo più pericolose della danza fatta male è proprio non raggiungere i risultati che questa disciplina dovrebbe far conseguire a tutti: la correzione dei paramorfismi in età adolescenziale.

I paramorfismi sono atteggiamenti posturali scorretti, più spesso causati de problemi muscolotendinei e / o articolari.

Vengono considerate "degenerazioni composte" e potenzialmente reversibili con lo studio efficace della danza classica, ginnastica posturale e fisioterapia, anche combinati tra loro, a seconda della diagnosi effettuata dall’ortopedico o dal fisiatra.

Se non trattati, i paramorfismi possono evolvere nei dismorfismi (alterazioni croniche della morfologia che provocano una modificazione anatomica e funzionale di una o più zone del corpo). I dismorfismi sono molto difficili da correggere anche con l'uso di tutori e spesso richiedono interventi di chirurgia.

Paramorfismi e dismorfismi interessano principalmente la colonna vertebrale o rachide e spesso, come conseguenza, anche le spalle, gli arti inferiori e il piede.

Esempi di paramorfismi sono: scoliosi, ipercifosi, iperlordosi, dorso piatto, scapole alate, spalle addotte, ginocchio valgo, piede piatto, alluce valgo. Se in stadio avanzato, ovvero quando inizia la deformazione ossea, questi diventano veri e propri dismorfismi.

I paramorfismi interessano principalmente l'età evolutiva e raggiungono spesso l'apice in età scolare – scuole medie e superiori. L'eventuale dismorfismo che ne consegue tuttavia, può continuare a peggiorare per tutto il corso della vita.

Ciò significa che una maggiore attenzione all'insorgenza e / o all'evoluzione di paramorfismi e dismorfismi in fase di accrescimento può contribuire a risolvere precocemente il problema.

Ed è proprio in questa fase che lo studio della danza classica impostato in maniera corretta può intervenire attraverso due aspetti:

☑️Rinforzo muscolare e mobilitazione articolare generali: soprattutto se praticata in età evolutiva, l'attività fisica motoria costante contribuisce a rinforzare l'intera catena cinetica compensando i deficit muscolo articolari dei paramorfismi;

☑️Eliminazione delle abitudini posturali scorrette: soprattutto in età scolare ma anche in quella adulta, è fondamentale correggere i difetti posturali;

☑️Miglioramento della propriocezione: talvolta, in assenza di qualsivoglia difetto muscolare, tendineo o articolare, una posizione sbagliata può essere la conseguenza di scarsa capacità propriocettiva che può essere migliorata per mezzo dell'attività fisica motoria eseguita correttamente;

☑️Correzione posturale: attraverso esercizi correttivi specifici o fisioterapia, o entrambe.

È, dunque, fondamentale rivolgersi a persone competenti, altrimenti non si potrà beneficiare di tutti gli effetti positivi della danza classica.



8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti